Lost Paradise

Cerca su Google direttamente da Lost Paradise



Home
Editoriale
Lo Staff
News e Progetti
Il Gioco di Ruolo
Mondo Fantasy
Mitologia
Libri
Cinema
Giochi
Videogiochi
Immagini
Forum
Chat
Contatti
Partnership
Utility
Links

 

 

Realtà VS GdR

 

Immagine simbolo del gioco di ruolo: un'avventura irreale...   Tra le riflessioni più profonde sul Gioco di Ruolo, la più profonda è quella sulla distinzione tra il gioco e la vita reale. Molti troveranno banale questo argomento, ma comunque voglio spendere qualche parola su di esso, e molti che si trovano ad affrontare spiacevoli situazioni all'interno delle tante città virtuali, o i vari altri GdR, sapranno già il perchè. La vita reale ed il mondo fantastico del Gioco di Ruolo sono due cose distinte e separate: nessuno dovrebbe riportare fatti di vita reale e proprie emozioni vere all'interno di un gioco. E' anche bene lasciare ogni emozione all'infuori del gioco, per evitare brutti incidenti. Dobbiamo ricordarci che il GdR è solo un teatro dove inscenare le emozioni e le azioni del nostro personaggio, e non un luogo dove si devono sfogare tutte le proprie frustrazioni. Alcuni, infatti, delusi dal mondo reale, riversano continuamente nel gioco i loro problemi, creando un gioco scorretto e non volto al fine del GdR, o di qualsiasi altro passatempo e gioco: il divertimento. Per molti il gioco diventa un'ossessione, e spesso queste persone vogliono a tutti i costi mostrare di valere qualcosa e di essere i più forti (molto spesso da qui, nasce il PP, o meglio, il Power Player, che vuole distruggere tutto e tutti ed essere sempre il migliore, impedendo agli altri un corretto gioco allo scopo del divertimento). Questo porta a problematiche molto serie, su cui non è proprio il caso di scherzare: a volte il gioco di ruolo assume, nella realtà, un valore primario e fondamentale. A volte la vita reale si mischia con quella fantastica, facendo perdere il senno alle persone (Vi richiamo ad un libro, poi tramutato in film, che parla di una storia vera in cui è accaduto proprio questo: "Labirinti & Mostri", dal romanzo di Rona Jaffe. La storia racconta di quattro giovani universitari che passano le loro serate libere a giocare ad un gioco di ruolo chiamato "Il Gioco del Labirinto". Uno di loro, dopo tante serate di gioco cartaceo, crede di aver trovato davvero l'ingresso del labirinto, un'entrata di una grotta a pochi passi dalla città dove risiedono. Convinti tutti di andare a fare una sessione di GRV, ovvero Gioco di Ruolo dal Vivo, tranne il ragazzo, organizzano una spedizione dentro la caverna. All'interno di essa però, il ragazzo, preso dalle allucinazioni, è convinto davvero di vivere in un mondo fantastico, così che, tutti i partecipanti, conclusero la loro ultima giocata preoccupati. Da allora, il ragazzo, non riprese più il senno e fu convinto fino alla morte, che il labirinto ed i mostri esistessero davvero, e non fossero solo frutto della sua immaginazione). La convinzione che per alcuni il gioco di ruolo è la propria ragione di vita, ci è data da altri esempi reali: un giovane ragazzo, qualche anno fa, comprò per 21.000 dollari, un'isola virtuale del MMORPG "Everquest", attentando così al proprio capitale reale e personale. Infine, l'ultima tragedia, viene dalla Cina: un ragazzino assassinò un proprio compagno per avere il possesso di un'arma virtuale più potente. Il mio consiglio è di stare attenti: il Gioco di Ruolo deve essere sempre e soltanto uno stupido gioco, in cui passare il tempo libero divertendosi.

 

Tommaso Cattolico

 

Torna a Mondo Fantasy


Home | Editoriale | Lo Staff | News e Progetti | Il Gioco di Ruolo | Mondo Fantasy | Mitologia | Libri | Cinema | Giochi | Videogiochi | Immagini | Forum | Chat | Contatti | Partnership | Utility | Links
 


 © Webmaster Barlog - 2005/2008 - Lost Paradise - Tutti i diritti sono riservati.

Il sito tratta di argomenti a tema fantastico. Riferimenti a fatti, cose o persone realmente esistite è puramente casuale.
Per problemi o domande su questo sito Web contattare l'autore all'e-mail info@lostparadise.it
Ultimo aggiornamento: 15/03/2008 13.02.04.